1. Home
  2. Edizioni
  3. 2017
  4. Maggioni marta

Maggioni Marta

Elafìna nell’antico greco significa cerva. Una leggenda narra che, nei pressi della regione di Cerinea, viveva una splendida cerva dalle corna d’oro che fuggiva senza meta, trascinando gli inseguitori in un luogo recondito da cui non avrebbero mai fatto ritorno. Essa era pura e sacra ad Artemide, la dea della caccia e protettrice della natura.

È proprio dall’incontro tra questa leggenda e la sensualità delle donne di Alphons Mucha che prende vita una collezione delicata e leggera, dai toni pastello e trasparenti, dall’atmosfera silvana e un po’ magica: le ninfe dell’artista si ricoprono di abiti morbidi e pieghettati e il tessuto si fonde alle scure stampe floreali delle intricate decorazioni dell’Art Nouveau. Le driadi appaiono come la mitologica cerva, adornate da numerose infiorescenze, bacche e foglie da cui svettano sottili palchi di corna: esse sono la quintessenza, esseri ambivalenti, femminili e nobili, ma nello stesso tempo avventurieri e indipendenti, energici e curiosi.