1. Home
  2. Edizioni
  3. 2017

IN PASSERELLA SPAZIO ANCHE AL SOCIALE CON IL PROGETTO “GUARISCO DALLA TESTA”

Vincitore il giovane designer Dimitar Dradi, emiliano di adozione ma bulgaro di origine, già noto nel settore per le sue performance di moda artistica. A premiarlo Gianni Molaro insieme alla stilista Biancamaria Gervasio, il maestro Angelo Inglese e il Responsabile Cna Federmoda Antonio Franceschini.

Fermati. Amala. Questo il claim del fashion show più noto in Puglia, dedicato ai giovani stilisti e brand di moda e condotto per il secondo anno da Jo Squillo, ideatrice di TvModa. Ideata dal fotografo e creativo Francesco Francioso e sviluppata con la professionista di comunicazione Merilù Barbaro, la nuova edizione ha visto sfilare circa 130 capi di moda femminile. Arricchendosi inoltre di collaborazioni e partner a supporto della giovane moda emergente e della moda etica.

Emozioni e magia grazie agli spettacoli del Circo Bianco di Roma, al violino di Lucia Forzati, la chitarra di Phil Palmer accompagnata dalla voce di Numa.

Sette i giovani stilisti in concorso provenienti da tutta Italia.

Francesca Derinaldis di Francavilla Fontana (BR), con la capsule Freeda dedicata a Frida Khalo, vince uno stage formativo presso Rossorame in collaborazione con Apulia Fashion Makers.

Maria Grazia Di Donato di Sant’Antimo (NA), con la collezione dalle forme e colori ispirate a The Mexican Way, vince il Premio Serikos - una dotazione di tessuti di qualità del valore di mille euro - messo in palio dall’azienda dell’imprenditore Beppe Pisani.

Dimitar Dradi di Misano Adriatico (RN), con le creazioni origami The Crown of Love, vince il Primo Premio e il Premio Critica. In palio per lui la realizzazione di uno shooting professionale con relativo catalogo moda offerto dall’organizzazione di FashionPuglia, oltre alla visibilità online per sei mesi su UFashOn digital platform.

Vincenza Lacava di Praia a Mare (CS), con la collezione Sculture Tessili Indossabili;

Marta Maggioni di Lecce, e la sua collezione dedicata al mito di Elaphìna;

Ilaria Novarese di Ozzano Monferrato (AL), con la sognante capsule Violet, vince un Corso di Prototipia industriale 3D con software Lectra, offerta dall’Accademia Sitam Lecce.

Giulia Pierangeli di Maiolati Spontini (AN) con una reinterpretazione della camicia di forza nella DeCostrizione collection vince il Premio Bozzetto e un Corso in Fashion Design offerto dalla Calcagnile Academy di Lecce. Come ogni anno splendidi i premi scultura SaviniJewels, realizzati in ceramica e oro dalla designer pugliese Maria Elena Savini.

Tra i partner di quest’anno: African Fashion Gate in collaborazione con il Reparto oncologico dell’Ospedale Perrino di Brindisi, che ha presentato in passerella il progetto African Fashion Therapy - Guarisco dalla testa. Grande commozione nel pubblico per questo momento, che ha visto sfilare alcune pazienti in cura, le quali hanno indossato copricapo realizzati a quattro mani da Anggy Haif (stilista francese) e Massimo Orsini (stilista italiano). Inno alla forza della bellezza, simbolo di lotta contro la malattia.

Hanno sfilano inoltre le collezioni delle scuole di moda pugliesi: Accademia De Rubertis (Taranto) con una collezione ispirata alla tradizione sartoriale più classica fatta di abiti cuciti e ricamati a mano; Accademia Sitam (Lecce), che ha abbinato il Black & White a linee e figure geometriche optical, declinandolo in due linee agli antipodi: Street Style e Haute Couture; Calcagnile Academy (Lecce), che ha portato in passerella la  capsule Lèg-àmi, dalle nuances calde e avvolgenti ispirate agli arazzi di Afro Basaldella.

Ancora spazio alla moda femminile con: l’eleganza del brand emergente Maria Ancona (Locorotondo); la linea di Tessuti Couture firmata Emilia Lepore per 8 L E (Bari); la Gala Collection di Antonio Monopoli (Carovigno); la donna di memoria felliniana presentata da Vincenzo Pisciotta (Napoli). 

Nel parterre - oltre ai giurati - ospiti illustri della moda italiana, tra cui Michele Miglionico, Roberto Guarducci, Mary Marabini, Daniele Del Genio nuovo Presidente Regionale Federmoda.

Si ringrazia il main sponsor Negozi Euroshop, la lookmaker ufficiale FashionPuglia Cristyle di Cristina Vozza e l’intero staff, in particolare il coreografo Lino Perrone, la coordinatrice backstage e modelle Muriel Gagliano, insieme a Gianbattista Mitrugno, la regia di palco con Juan Pablo Verdaguer e Ilaria Almiento, il ledwall designer Omar Eox, il sound designer Dj Morph, service Lapesa. Per la diretta Canale 85 e Antenna Sud. Per l’intera produzione Francioso Studios con la collaborazione di YouVision comunicazione e Marketing e i fotografi ufficiali di TuttaVita.

Derinaldis Francesca

La capsule collection Freeda vuole rendere omaggio all’artista messicana Frida Kahlo, da sempre icona di caparbietà e libertà ed emblema dell’emancipazione femminile. La stilista cerca di riportare queste caratteristiche su carta, realizzando una collezione che gioca con ...

Di Donato Mariagrazia

Mexican Way è il progetto di una collezione haute couture ispirata al Messico e ai costumi tradizionali di questo Paese. La collezione è rivolta ad una donna giovane (20-25 anni), dalla personalità dinamica, estroversa e briosa, ...

Dradi Dimitar

Fin da bambino questo giovane stilista ha dimostrato un profondo interesse per la bellezza estetica e una forte attrazione per tutto ciò che fosse bizzarro e particolare. Il suo concetto di arte riflette il suo carattere determinato, curioso, ...

Lacava Vincenza

Questa collezione rappresenta abiti voluminosi e di grandi dimensioni, caratterizzati da forme nuove e da una palette cromatica intensa, segnata da pennellate di colori.

L’ispirazione è tratta dall’opera dell’artista contemporaneo James Nares, che rende l’arte come ...

Maggioni Marta

Elafìna nell’antico greco significa cerva. Una leggenda narra che, nei pressi della regione di Cerinea, viveva una splendida cerva dalle corna d’oro che fuggiva senza meta, trascinando gli inseguitori in un luogo recondito da cui non ...

Novarese Ilaria

In un certo reame viveva una giovane donna, Violet, nota per la sua temperanza. Con la sua armonia d’animo, assomigliava ad una creatura al limite dell’umano, come il colore viola che si trova alla fine ...

Pierangeli Giulia

Il corsetto, l’uniforme e la camicia di forza vengono destrutturati, frammentati e ricomposti nella collezione DeCostrizione con l’obiettivo di riconquistare quella libertà che si fa sempre più lontana e sfuggevole.

Le forme, i colori e i ...